LA PAPPA REALE

Un alimento completo

È un alimento con caratteristiche nutrizionali molto particolari fra i prodotti naturali.
È una sostanza gelatinosa, di color paglierino, dal sapore acidulo, molto concentrata e che viene elaborata dalle api nutrici di età compresa tra i 5 e i 14 giorni, attraverso le ghiandole ipofaringee e mandibolari poste nel capo.

La sostanza nobile dell'Ape Regina

La pappa reale viene utilizzata per nutrire tutte le larve dell’arnia durante i primi due giorni di vita e l’ape regina per tutta la durata della sua esistenza.
La pappa reale, infatti, rappresenta l’alimento esclusivo di tutte le larve sino al secondo giorno di vita, mentre dal terzo giorno cominceranno a nutrirsi di miele e polline e sarà solo la larva destinata a diventare ape regina che continuerà a nutrirsi per tutta la vita con questa sostanza nobile. Per almeno un 66 per cento la pappa reale è formata da acqua, seguono poi gli zuccheri – 14 per cento, ripartito tra glucosio, fruttosio e saccarosio), poi i protidi (13 per cento), i lipidi (4,5 per cento), oltre a un bel pieno di vitamine, soprattutto la B1, B2, B3, B5, B6, e, in misura un po’ inferiore, le vitamine A, la B12, la C, la D e la E. Ma non è finita: la pappa reale contiene anche calcio, rame, ferro, fosforo, potassio, silicio e zolfo.

Un concentrato di salute

La pappa reale è un alimento particolarmente indicato per chi si trova in situazioni di stress o di stanchezza e, come attestato da alcune ricerche, per i neonati prematuri. Ma la pappa reale non è riservata solo a studenti sotto esame o a bambini un po’ deperiti: la possono consumare tutti, purché nella forma migliore e nelle giuste dosi. E il perché è presto detto.

Favorisce il riequilibrio del sistema endocrino, stimola l’intero organismo, soprattutto nei soggetti ipotonici, dà buoni risultati nella cura delle anemie, compensa eventuali carenze alimentari ed è anche un regolatore naturale dell’appetito, consigliata quindi nei casi di anoressia. Ma, soprattutto, grazie alla notevole presenza di vitamina B5, è un potente anti-età: ritarda gli effetti dell’invecchiamento della pelle e funziona bene anche in alcune patologie, come ad esempio contro il lupus eritematoso. La componente più preziosa della pappa reale è però un’altra: l’acido 10-idrossidecenoico, che esercita attività antibatterica e antitumorale. Questo importantissimo principio organico è presente nell’alimento fresco: è quindi importante consumarla fresca per conservare le sue proprietà.

Uso consigliato

Si consiglia di assumere mezzo grammo al giorno in genere corrisponde a una palettina, il misurino abbinato al prodotto fresco, da mettere sotto la lingua alla mattina appena svegli per facilitarne l’assorbimento per un periodo di circa 20 giorni senza interruzioni almeno due o quattro volte all’anno.
Perché sia consumata fresca bisogna che sia rispettata la catena del freddo. Si calcola che in Italia si produce solo il 10% circa del proprio fabbisogno, il restante 90% viene importato solitamente dai paesi asiatici dove il costo della manodopera è notevolmente più basso.

Dal nostro alveare estraiamo anche la pappa reale: uno dei cinque prodotti dell’alveare, con il miele, il polline, la propoli e la cera d’api.


Un vero e proprioconcentrato di salute